Storie di viaggio

La vita sulla strada come coppia gay

Una cosa su cui non ci siamo concentrati su questo sito è il viaggio LGBT e, poiché introduciamo una gamma più ampia di interviste ai lettori, ho voluto evidenziare i lettori LGBT perché sono curioso di conoscere le loro esperienze viaggiando in tutto il mondo, come molti paesi hanno dure leggi anti-gay. Così, quando Auston mi ha inviato un'email per essere il prossimo profilo di lettore, ho colto l'occasione. Volevo sapere come lui e suo marito affrontano o hanno affrontato ogni discriminazione e il suo consiglio per gli altri. Si è seduto con me praticamente via email per parlare.

Nomadic Matt: Ciao, Auston! Racconta a tutti di te.
Auston: David e io ci siamo conosciuti nel 2005 quando avevo 23 anni in Arizona State University. Abbiamo iniziato presto a frequentarci nel 2006 e ci siamo sposati nel 2010. Nel 2008, mi è stato offerto un lavoro a Chicago, così ci siamo trasferiti e abbiamo iniziato a pianificare la nostra ultima fuga dalla vita normale. Il nostro piano originale era di viaggiare per un anno e poi tornare negli Stati Uniti, ma non è mai successo, e ora viviamo in Spagna. Lavoro come freelance sia come ingegnere che come scrittore di viaggi. Continuiamo a viaggiare e scrivere per il nostro blog TwoBadTourists.com, dove forniamo ai nostri lettori consigli di viaggio e storie su festival, eventi e destinazioni gay-friendly.

Cosa ha ispirato il tuo viaggio?
Sono sempre stato ispirato dai viaggi sin dalla giovane età. Sono sempre stato motivato a viaggiare e conoscere culture diverse. David viaggiò all'estero molte volte per lavoro volontario in posti come il Messico, la Repubblica Dominicana, la Tanzania e il Belize.

Dopo essermi trasferito a Chicago, sapevo che il nostro soggiorno sarebbe stato solo temporaneo. Per quanto amassi la città, non potevo sopportare quegli inverni brutali e volevo trasferirmi sulla costa occidentale. L'idea di viaggiare per un anno mi è venuta improvvisamente in mente e abbiamo iniziato a risparmiare immediatamente nella speranza che potessimo effettivamente durare un anno sulla strada. Siamo partiti nel maggio del 2012 e abbiamo pianificato di viaggiare attraverso l'America Centrale, il Sud America, l'Europa, l'Africa e l'Asia. Ma dopo che il nostro viaggio è finito nel 2013, abbiamo deciso di trasferirci all'estero e continuare a viaggiare dalla nostra base in Spagna.

Come hai fatto a risparmiare per il tuo viaggio?
Abbiamo risparmiato per il nostro viaggio in quasi tutti i modi possibili. Ho creato un budget limitato e tagliato tutti i lussi inutili come la TV via cavo, mangiare fuori e comprare nuovi vestiti. Per un po 'ho persino tagliato i tagliandi - la rovina della mia esistenza! Ogni centesimo in più è andato in un conto di risparmio. L'unico viaggio che abbiamo fatto durante questo periodo è stato viaggi occasionali a casa in Arizona per visitare la famiglia. Abbiamo venduto tutte le nostre cose e guadagnato un po 'di denaro extra inserendo oggetti di valore superiore su eBay o Craigslist. La nostra spinta finale per ottenere abbastanza per il nostro viaggio era in possesso di una vendita di rovistare. Distribuimmo volantini nei quartieri dei nostri genitori e chiedemmo ad amici e parenti di donare qualsiasi oggetto di famiglia di cui volevano sbarazzarsi. Tra due vendite di piazzali, abbiamo guadagnato 1.500 $ in un solo fine settimana.

Ma il più grande risparmiatore è stato sicuramente ottenere i nostri voli quasi gratis. Abbiamo prenotato due biglietti round-the-world tramite US Airways con quattro anni di miglia salvate per le compagnie aeree e pagato solo $ 550 in tasse totali per entrambi i voli. Alla fine, abbiamo risparmiato quasi $ 35.000 in totale e speriamo che i nostri risparmi ci terrebbero sulla strada per un anno. Abbiamo quasi raggiunto questo obiettivo: i soldi sono durati 11 mesi prima di finire.

Quale consiglio sui risparmi hai per gli altri?
Hai davvero bisogno di pensare alle tue priorità quando stai salvando per un grande viaggio. Se sei motivato, puoi risparmiare molto tagliando le spese quotidiane. Se mangi spesso o hai un'abitudine di Starbucks al giorno, tagliandoli puoi risparmiare un sacco di soldi nel tempo. Probabilmente dovrai risparmiare per almeno un anno o più per un lungo viaggio, quindi inizia a pianificare in anticipo. È meglio avere un obiettivo di risparmio totale per il tuo viaggio e quindi creare un budget di spesa mensile in modo da poter monitorare i tuoi progressi. Potrebbe non essere il più divertente, ma il profitto di fare un viaggio a lungo termine vale la pena.

Come hai mantenuto il budget quando hai viaggiato?
Rimanere sul budget durante i viaggi può essere difficile, soprattutto quando si viaggia in coppia. David ed io abbiamo idee e valori diversi su quanto spendere e quanto tagliare. David è lo spender, mentre io sono il risparmiatore. Abbiamo lottato molto su questo tema - il più assoluto dei nostri otto anni insieme e lo stress del viaggio ha davvero minacciato la nostra relazione. Il trucco consiste nel trovare il giusto equilibrio tra la durata dei tuoi soldi e il taglio degli elementi che rendono il tuo viaggio eccitante e proficuo. In generale, abbiamo alloggiato in ostelli o alloggi economici e persino Couchsurfed per risparmiare denaro. Abbiamo fatto la tipica cosa da zaino in spalla: cucinato i nostri pasti, preso i mezzi pubblici e sempre "pre-drink" in anticipo prima di uscire per una serata di festa.

Un sacco di persone dicono che il mio sito è troppo concentrato sui viaggi da solo. Come qualcuno che viaggia da coppia, hai trovato che fosse così?
C'è uno spazio nella blogosfera per ogni tipo di viaggio. Naturalmente, quando viaggi da solo, tendi a scrivere di viaggi in quel modo ed è la tua esperienza. Per quanto mi riguarda, ho viaggiato principalmente con David, quindi conosco i dettagli del viaggio insieme. Viaggiare in coppia ha le sue sfide che non dovrai affrontare da solo o quando viaggi con gli amici. Può essere sia un'esperienza che rafforza una relazione o che ti allontana. Ho ricevuto molte informazioni preziose dal sito che mi hanno aiutato a pianificare il viaggio. Ho persino risparmiato $ 200 su pass Eurail da uno degli ebook che ho scaricato. Fortunatamente, il processo di pianificazione per viaggiare da solo o in coppia non è poi così diverso, quindi il sito è utile per entrambe le situazioni.

Tu e il tuo partner siete gay. Hai affrontato molti pregiudizi sulla strada? Se è così, come hai fatto ad affrontarlo?
Siamo stati fortunati ad affrontare pochissimi pregiudizi durante il nostro viaggio di un anno. Ma abbiamo fatto dei passi speciali per evitare problemi durante i viaggi in luoghi come l'Africa o l'Asia, dove i diritti degli omosessuali non esistono. Infatti, durante la maggior parte del nostro viaggio, non abbiamo indossato le nostre fedi perché non volevamo richiamare l'attenzione su di noi. In casi estremi, come durante il nostro tempo in Africa, avevamo inventato storie di base su come ci conoscevamo, fingendo semplicemente di essere amici che viaggiavano insieme. C'è stata una volta in cui sono rimasto coinvolto in una situazione molto imbarazzante mentre prendevo un autobus in Ghana. Un locale era molto incuriosito dal fatto che stessimo visitando il Ghana e volevamo sapere tutto sulle nostre vite personali. Finì per trasformarsi in una conversazione piena di bugie che divenne particolarmente imbarazzante. Ho immediatamente trasformato il mio profilo di Facebook completamente privato dopo quell'incidente. C'erano anche un paio di volte in Africa, dove eravamo costretti a prenotare una stanza con letti singoli dato che eravamo due ragazzi insieme.

Che consiglio hai per altri viaggiatori LGBT?
Essere gay non dovrebbe mai essere una ragione per non viaggiare. Finché prendi le giuste precauzioni puoi comunque sfruttare al massimo il tuo viaggio rimanendo al sicuro. Se viaggi in paesi meno sviluppati, è importante sapere come vengono trattate le persone LGBT in quel paese. Per gli americani, Travel.state.gov è una risorsa eccellente che fornisce informazioni aggiornate per i viaggiatori LGBT. È anche una buona idea ricordare di rispettare le altre culture quando visiti, anche se non sei d'accordo con le loro leggi o costumi. Ad esempio, se stai viaggiando in un paese religioso o conservatore, devi stare estremamente attento a non essere affettuoso di persona. Ciò non solo rende i locali a disagio, ma può addirittura mettere in pericolo la tua sicurezza in alcuni luoghi.

Che consiglio vorresti che gli altri provassero a fare quello che hai fatto?
L'abbondante quantità di informazioni disponibili per i viaggiatori a volte può creare una sfida quando si cerca di setacciare tutto. Ho fatto mesi di ricerche solo per decidere cosa mettere in valigia per il nostro viaggio. Pensavo che tutto fosse perfetto, ma nel giro di un paio di settimane di viaggio, mi sono reso conto che le mie priorità erano diverse dalle altre e alla fine ho acquistato più vestiti e scarpe di quanti ne raccomandassero. Detto ciò, il miglior consiglio è di pianificare bene il tuo viaggio, ma anche essere pronto a essere flessibile e apportare cambiamenti quando decidi cosa è o non è importante per te.

Qual è stata la parte più difficile del viaggio?
La parte più difficile per me durante il nostro viaggio di un anno è stata costantemente in movimento. È stato incredibile vedere e sperimentare tutti i luoghi in cui ci siamo recati, ma l'incongruenza che si verifica di conseguenza è difficile. Quando ho avuto una casa, ho avuto una routine. Ma quando sei costantemente in posti nuovi, non sai mai la disponibilità di strutture o come spostarti. A volte passavamo un'ora a cercare un supermercato per cucinare un pasto semplice.

Ora che il nostro anno di nomade è finito, ho un buon equilibrio ma continuo ad affrontare nuove sfide. Dal momento che ora siamo espatriati che vivono in Europa, c'è la costante lotta per cercare di richiedere i visti. David e io inizialmente chiedemmo un visto a lungo termine in Francia quando ci trasferimmo per la prima volta in Europa. Ma ora che abbiamo deciso di vivere in Spagna, provare ad ottenere un visto di residenza è un enorme dolore. Se il matrimonio tra persone dello stesso sesso fosse legale nel nostro stato d'origine dell'Arizona, avremmo potuto fare domanda insieme come coniuge quando David ottenne il visto per insegnare l'inglese in Spagna. Ma dato che il nostro matrimonio non è mai stato riconosciuto legalmente, devo candidarmi da solo, il che è molto più difficile, costoso e richiede tempo.

Il più facile?
Ironia della sorte, ho pensato che la parte più difficile del nostro viaggio sarebbe stata quella di vendere tutte le nostre cose e allontanarci dagli Stati Uniti, ma si è rivelato rapidamente il più semplice. Una volta presa la decisione di sbarazzarsi di tutto, un peso mi è stato tolto dalle spalle. Non c'era più alcuna preoccupazione su dove avremmo immagazzinato le nostre cose, come avremmo spostato tutto il paese o quanto sarebbe costato. Sapendo che le uniche cose importanti erano ciò che portavo sulla schiena era una sensazione incredibile, ed era così libero di sapere che potevo raccogliere in qualsiasi momento e andare da qualche altra parte.

Vivere a Madrid è stato facile. David ha sempre voluto vivere qui e volevo migliorare il mio spagnolo. Inoltre, c'è una fiorente comunità gay con alcuni dei migliori locali notturni gay di Madrid e molte strutture gay-friendly per i viaggiatori LGBT.

Qualche consiglio di separazione?
Ho sentito troppo spesso dalle persone che desiderano poter fare quello che faccio e quanto sono fortunato a dire che sono. Ma la realtà è che ho preso una decisione di vita - una drastica decisione sulla vita - che mi ha permesso di viaggiare e vivere come voglio io. La maggior parte delle persone non è disposta a fare questo passo. E la verità è che la maggior parte delle persone della classe media dei paesi sviluppati hanno altrettante opportunità come noi. La differenza è che l'abbiamo afferrata.

Molte persone (specialmente gli americani) dicono che non possono viaggiare a causa di scuola, lavoro o famiglia. Ma il mio consiglio alla gente è di pensare a ciò che è in definitiva importante. Chi dice che non puoi viaggiare a causa del lavoro? Hai mai chiesto alla tua compagnia più tempo libero? Perché non puoi viaggiare con una famiglia? Se è troppo costoso, prova a scambiare casa per evitare di pagare per le sistemazioni. Non posso permettermi i voli internazionali? Iscriviti per una carta di credito che guadagna miglia aeree. Ci sono così tante opzioni che rendono il viaggio una possibilità ma il problema numero uno è la gente che riconosce di poterlo fare. Quindi, se posso lasciare un ultimo consiglio, sarebbe cambiare la tua percezione e dirti che puoi viaggiare. Sfida te stesso e trova un modo per farlo.

Puoi leggere di più su Auston e David sul loro blog TwoBadTourists.com. Coprono un sacco di problemi LGBT sul loro sito web e hanno alcuni consigli meravigliosi per i viaggiatori sull'argomento.

Guarda il video: Francesco e Giuseppe: Cacciati dalle nostre famiglie perché gay. Ora dormiamo sulle panchine (Giugno 2019).