Storie di viaggio

Dai a mendicanti?

Pin
Send
Share
Send
Send


"Ora, se compro tutti i tuoi fiori, andrai a casa, giusto?" Disse la ragazza australiana accanto a me.

"Sì," disse la bambina vendendo le rose mentre gestiva il pacchetto al mio amico.

Eravamo a Bangkok e stavo guardando il mio amico australiano avere pietà di una piccola ragazza thailandese che vende fiori a saccopelisti ubriachi a Khao San Road in Tailandia. Comprò tutti i fiori, sentendosi bene con se stessa e fiduciosa di aver trattenuto una bambina dal restare sveglio tutta la notte, mandandola a casa a riposare per andare a scuola domani.

"Oh, che diavolo!" L'ho sentita dire circa 30 minuti dopo. Alzai lo sguardo e là, dall'altra parte della strada, c'era la piccola fioraia che vendeva una nuova serie di fiori. Ci ha evitato questa volta.

Il mio amico australiano era chiaramente scoraggiato. Si sentiva come se avesse fatto del bene, solo per realizzare una crudele realtà della Thailandia: i bambini non vanno a casa fino a quando i genitori non lo dicono. Dopo aver trascorso molti anni in Tailandia, sapevo che questo sarebbe successo. I miei altri amici e io l'avevamo avvertita di non comprare tutti i fiori, che i genitori della bambina la manderebbero di nuovo fuori. Ma lei non ascoltò.

E ora che sono tornato in Thailandia e vedo di nuovo mendicanti e bambini piccoli, girovagando per le strade chiedendo soldi, mi chiedo se dare sta facendo del bene o semplicemente sostenere un sistema imperfetto. In gran parte del mondo in via di sviluppo, vedi bambini che vendono cianfrusaglie e fiori agli occidentali. Vedete i genitori supplicare con un bambino "addormentato" sulle ginocchia per ottenere comprensione. Dopo tutto, i genitori sanno quello che sappiamo: è difficile dire di no a un bambino. Ti senti automaticamente male per loro. Pensa alla povertà in cui vivono, alla vita che conducono e pensa: "Bene, darò un po 'di aiuto e aiuto".

Se le persone non davano, quei ragazzi non sarebbero lì. E mentre la gente protesta e allontana i bambini, molte altre persone aprono i loro portafogli nella speranza di fare del bene. Guardiamo la donna con il bambino in braccio, allunghiamo le mani nelle tasche e diciamo "OK, solo un po '".

Quando vedo questi mendicanti per strada, sono spesso indeciso su cosa fare. Da un lato, non voglio perpetuare il sistema. Non voglio che i bambini stiano vendendo cianfrusaglie invece di studiare a scuola. Non voglio che i genitori usino i loro figli come scorciatoia per guadagnare denaro. Non voglio che i bambini vengano usati come ricatti emotivi. Li voglio dormire alle 22:00, non trattare con turisti arrabbiati e ubriachi che sono infastiditi da loro.

Eppure so che molte famiglie povere spesso lo fanno per necessità. Hanno semplicemente bisogno di soldi. Penso spesso al Bangladesh. Negli anni '90, quando la manodopera infantile divenne la causa del viaggio, l'attenzione si concentrò sulle fabbriche sfruttatrici del Bangladesh. C'erano i boicottaggi. Kathy Griffin piange. Un putiferio. Legislazione. I produttori di abbigliamento hanno represso i fornitori che hanno assunto bambini. Il lavoro minorile diminuiva e gli occidentali potevano dormire sonni tranquilli.

Eppure anni dopo ricordo di aver letto un articolo di giornale su uno studio che ha fatto seguito a quello che è successo ai bambini in Bangladesh. Si scopre che non sono andati a scuola. Sono finiti per le strade come mendicanti. Le famiglie avevano bisogno del reddito per il cibo. E se non potevano lavorare facendo vestiti, potevano lavorare per strada.

Il bisogno di cibo supera tutti gli altri bisogni.

Ricordo che una volta passato da questo ragazzo e suo figlio in una parte di Bangkok, andavo spesso con i miei amici. L'uomo ha venduto delle roba junky che non volevo. Ma un giorno sono passato davanti a lui, e la disperazione, la supplica nella sua voce mi ha fatto solo fermare.

"Guarda. Per favore. Per favore, "disse.

Non avevo mai visto un volto così disperato di disperazione sul viso di qualcuno come quella sera. Non so se fosse tutto parte del gioco "get money", ma non potevo guardare quel ragazzo con suo figlio e roba che nessuno voleva e non essere commosso. Ho tirato fuori il portafoglio e ho consegnato al ragazzo 1.000 baht (poco più di $ 30 USD). Era sbalordito dai soldi, ma non potevo più passargli accanto senza aiutarlo. La tristezza nei suoi occhi era semplicemente troppo reale ... semplicemente troppo palpabile.

Dare soldi ai mendicanti spesso rappresenta più di una scelta in bianco e nero tra sostenere e non sostenere un sistema imperfetto. Molte di queste persone non hanno una vera struttura di supporto sociale che possa aiutarle a uscire dalla povertà. La Tailandia non ha programmi di assistenza sociale. (Nemmeno la maggior parte del mondo in via di sviluppo dove si vede una tale miserabile povertà e così tanti mendicanti.) Sono da soli.

E così, nonostante l'odio del sistema, di solito me ne frega. Se c'è un cambiamento nel mio portafoglio, lo do ai senzatetto e ai mendicanti del mondo. È semplicemente troppo difficile dire di no. Il mio cuore si spezza per loro.

E so che è un po 'il punto. Si nutrono della tua comprensione. È difficile, specialmente con i bambini.

cosa fai? Tu dai? Non dai? Qual è la risposta qui? Ce n'è uno? Sono interessato a sapere come affrontare questa situazione mentre la vedi svolgersi in tutto il mondo.

Guarda il video: Santo preso d'assalto dai mendicanti (Ottobre 2022).

Загрузка...

Pin
Send
Share
Send
Send